RedBull: Newey al lavoro per la “nuova” RB5

Le conseguenze della sentenza della Corte d’Appello iniziano da subito, in casa RedBull il genio di Adrian Newey risulta abbia cancellato il viaggio in programma a Shanghai per la gara di domenica e stia lavorando alla nuova soluzione ritenuta legale dalla FIA. La RedBull sarà la scuderia che con maggior probabilità dovrà sconvolgere maggiormente la zona posteriore. Infatti, se da un lato la scuderia della bibita energetica è apparsa molto in forma e meglio posizionata rispetto a Ferrari e BMW, è anche vero che le soluzioni tecniche del posteriore costringeranno a mettere pesantemente mano al tavolo da disegno per creare la soluzione del diffusore a doppio piano. La sospensione posteriore della RB5 riprende alcune soluzioni che erano state abbandonate ma che consento l’abbassamento della vettura nella zona appena davanti all’ala posteriore, creando positivi benefici per l’aerodinamica del retrotreno. Da un lato, questo è un vantaggio, dall’altro si dovrà riprogettare l’intera zona per far si che si possa creare quel fondo a doppio livello con i fori che convogliano l’aria che si incanala nelle pance della vettura per poi venire estratte dalla zona centrale dell’estrattore: questo comporterà indubbiamente uno studio diverso della soluzione della sospensione posteriore per far si che i flussi corrano meglio nella zona della coca-cola davanti alle ruote posteriori e vengano indirizzati verso il canale centrale dell’estrattore, in corrispondenza del quale dovrebbero esserci i fori d’uscita del flusso superiore.

 

Fabiano Polimeni

RedBull: Newey al lavoro per la “nuova” RB5ultima modifica: 2009-04-15T21:52:37+02:00da grandprixnews
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “RedBull: Newey al lavoro per la “nuova” RB5

  1. Difficoltà non solo per la Red Bull. Pare che anche la Ferrari sia messa male perché adattare la F60 ai diffusori in stile Brawn richiede di riprogettere interamente la trasmissione e il differenziale. Praticamente, mettere a punto una F60 versione B…

  2. Hai ragione Vittorio, infatti le voci più ottimistiche parlano di una versione che sarà pronta per Barcellona… Intelligentemente, Alonso faceva notare che loro avranno un diffusore double decker già in Cina, ma per sfruttare appieno le caratteristiche, serve che si cambi radicalmente il modo di indirizzare i flussi verso il posteriore, intervenendo già sull’ala anteriore. A quanto pare, poi, anche in McLaren avranno qualcosa di simile già da questo GP, ma si tratta di adattamenti al concetto che potrebbero dare circa mezzo secondo a giro (che è un’enormità), e potrebbero portare Renault e McLaren a lottare con la Ferrari. Anche se dovremo attendere perchè ci saranno degli sviluppi già da domani sulla F60. Niente KERS, e questo potrebbe dare benefici alla ripartizione delle masse e all’usura degli pneumatici, e qualche affinamento aerodinamico.

Lascia un commento