Auto 2010: Restyling BMW Serie 1

Per gli appassionati più attenti non è un mistero, per tutti gli altri eccovi la novità. La “piccola” di casa BMW, intendendo la Serie 1 e non la Mini, sarà oggetto di un interessante restyling che eliminerà parecchi tratti discutibili della vettura bavarese. gli interventi più rilevanti si concentreranno sui proiettori anteriori e posteriori, cercando di ricreare quel family feeling comune alla gamma che era oramai svanito sull’attuale Serie 1. Fari anteriori più taglienti nella parte superiore, senza le attuali forme ondulate e sgraziate, un disegno più teso, sportivo e dinamico che va  riprendere in parte il design dei proiettori della serie 3, razionalizzandone i contorni: più netti e taglienti. sempre all’anteriore, interventi anche sul cofano motore, che sarà più lineare e meno bombato, due venature dovrebbero percorrere longitudinalmente il cofano convergendo verso il centro, in un insieme assai più lineare e omogeneo. Interventi anche al posteriore, ancora oggetto le luci. si estenderanno maggiormente in senso orizzontale rispetto all’attuale modello, pronunciandosi meno verso l’altro. Un impatto estetico nell’insieme molto più bilanciato, sportivo e gradevole. C’è da giurare che alla presentazione ufficiale saranno in molti ad affollare le concessionarie BMW, visto comunque il primato sui motori che già adesso la casa dell’elica può vantare su tutti i competitors. Ovviamente, anche sul piano propulsori non staranno fermi dalle parti di Monaco, start&stop, propulsori Euro 5, solite varianti diesel e benzina saranno tutte ottimizzate nei consumi e nelle prestazioni, come oramai da anni BMW ci abitua a fare. Non resta che attendere le immagini ufficiali per mostrarvele in anteprima, sempre che qualche appassionato non abbia già sbirciato qualche rivista nostrana con ricostruzioni del possibile futuro aspetto della piccola di Baviera. Uscita sul mercato prevista per il 2011.


Fabiano Polimeni

Auto 2010: Restyling BMW Serie 1ultima modifica: 2009-08-18T22:58:00+02:00da grandprixnews
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento